UNESCO - Parco della val d'orcia
2117
page,page-id-2117,page-template-default,eltd-core-1.0.3,,valdoricatheme-child-ver-1.0.0,borderland-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

UNESCO

Il Parco Artistico, Naturale e Culturale della Val d’Orcia è presente nella lista dei siti UNESCO come paesaggio culturale. Questo riconoscimento è stato assegnato nel 2004 dal Comitato del Patrimonio Mondiale per l’eccellente stato di conservazione del paesaggio, figlio di intelligenti interventi dell’uomo, e per l’influenza che ha avuto sugli artisti del Rinascimento.

4

Criteri

La Val d’Orcia viene iscritta dal Comitato del Patrimonio Mondiale, nella lista dei siti UNESCO come paesaggio culturale nel 2004 sulla base dei seguenti criteri:

Criterio (IV)
La Val d’Orcia è un eccezionale esempio del ridisegno del paesaggio del preRinascimento, che illustra gli ideali del buon governo e la ricerca estetica che ne ha guidato la concezione.

Criterio (VI)
Celebrata dai pittori della Scuola senese, la Val d’Orcia è divenuta un’icona del paesaggio che ha profondamente influenzato lo sviluppo del pensiero paesistico.

1

Impegno

Essere riconosciuti come sito UNESCO è un grande onore ma comporta anche una serie importante di responsabilità che servono a garantire questo riconoscimento.

L’impegno principale è quello di conservare i beni per le generazioni future, garantendo attività di tutela e allo stesso tempo di valorizzazione dei luoghi, di cultura e tradizione.

I Comuni facenti parte del Parco Artistico, Naturale e Culturale della Val d’Orcia rinnovano ogni giorno con piccole attività l’impegno preso, crescendo costantemente insieme al proprio territorio, coscienti della grande eredità da preservare.

News